Cosa resterá

Poco fa mi é tornata in mente una canzone di tanti anni fa, “Cosa resterá di questi anni 80”, la ascoltavo probabilmente da bambino, o forse erano appena iniziate le scuole medie. Ricordo un giradischi, un 33 giri credo, con i vari successi del decennio. Ecco, pensavo a cosa resterá di questo 2014. Un anno confuso, con cambiamenti che fanno rimanere tutto allo stesso punto di partenza, una continua giravolta nel vuoto, che poi finisce che non tocchi mai terra. I giorni di Natale sono passati veloci in quel di Napoli, tanto tempo per dormire, forse anche per pensare, sicuramente per mangiare. Adesso Stoccolma é avvolta nel gelo, ieri -11, oggi solo -6 ma un sole forte. Gli alberi pieni di neve, i rami cristallizzati che diventano bianchi come alcuni alberi di Natale che si portavano anni fa. Intorno famiglie prese dalle compere per il fine d’anno, nonni che portano in giro i bambini. Il lago azzurro esce dalla nebbia ghiacciata al mattino, la torre del municipio spunta nella foschia con le tre corone dorate illuminate da un pallido sole. Un altro anno volge al termine, chi sa chi scatterá la fotografia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...