Atene

Il mattino è scuro, l’aria fredda ed umida dopo i due ultimi giorni di pioggia. Un taxi mi aspetta al portone, le luci nella notte di una Stoccolma autunnale. Chiudo gli occhi, la macchina si muove tra le luci gialle dell’autostrada, curva dopo curva. Ho fatto questa strada così tante volte che, anche chiudendo gli occhi, riconosco ogni momento, ogni curva, ogni rallentamento. L’aeroporto è ancora mezzo vuoto, solo gruppo di pensionati che aspettano il volo per Malaga o Tenerife. La lounge semi-deserta, i negozi stanno per aprire. In fondo sono sole le 6:00 del mattino di una domenica qualunque.
L’aereo parte, ed il rumore ritmico dei motori concilia il sonno. Tre ore dopo una luca potente mi investe dai finestrini, un mare azzurro, coste frastagliate, campi di ulivi. Atterriamo ad Atene in un’atmosfera rarefatta ed un aria fresca di mare. Non ero mai stato in Grecia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...