La scoperta della primavera a Parigi

Ieri pomeriggio lascio una Stoccolma grigia e piovigginosa e fredda. Chiudo gli occhi per circa due ore e mi assale una luce intensa, calda, il cielo azzurro. Parigi é inondata di luce, di alberi in fiore, di profumi. Come al sempre donne incantevoli e ben vestite camminano per i grandi boulevards lasciandosi dietro scie di profumo, persone di tutte le razze corrono per le strade, negozi aperti a tutte le ore del giorno. Mendicanti, persone povere agli angoli della metropolitana, tanto traffico, tantissima vita. Anche la papille gustative, finanche nell’albergo internazionle, sembrano come riaprisi a sapori quasi dimenticati. La sera vado a trovare una vecchia amica appena trasferitasi in Francia. E cosi da 27 su 30 della mia classe di laura che vivono all’estero adesso siamo a 28. Le é nata una bella bambina di 5 mesi, ed in Francia trova un lavoro ben pagato, asili nidi, aiuti per i genitori. Da quanto capisco le cose non funzionano come un orologio svizzero come in Svezia, ma non credo ce ne sia bisogno, quando poi hai tutta questa bellezza intorno. Certo, se non funzionasse nulla come in altri posti, del buon cibo non te ne fai niente, ma penso ci siano delle vie di mezzo. Intanto la sera passa a bere champagne e kir royale fino a mezzanotte. Tutti i bar aperti, persone di tutte le etá a godersi la vita, la primavera che arriva. Ed il giorno dopo sono riunioni. Ma questa é un’altra storia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...