Per le vie di Praga

Dopo due giorni di pioggia e nebbia, il sabato mattina ha aperto gli occhi ad una giornata di sole azzurro, cielo pulito, aria tersa e fredda. In un’atmosfera di piena mitteleuropa ho messo il mio cappotto nero, la sciarpa blu attorno al collo, ed una fedora di feltro grigio, per camminare per le vie di Praga. I passi nelle stradine acciottolate del centro, il fiume sotto il ponte Carlo, i turisti intorno, un sole che quasi scaldava. Dopo essermi arrampicato fino su al castello ho visto la valle sotto di me, il fiume emetteva una nebbiolina leggera, che si perdeva tra i rami degli alberi ancora con qualche foglia. La sera sono andato all’Opera, c’era Verdi. Il cibo era meglio di quanto mi ricordavo, la birra scorreva a fiumi, i prezzi incredibilmente bassi per chi viene da Stoccolma. La domenica, come a chiudere un giorno particolare, una nebbia che si tagliava a fette. Il taxi verso l’aeroporto attraversava periferie di villette nella bruma, boschi, persone in attesa sulle panchine dei tram. Due ore di volo ed un sole rosso infuocato tramontava alle 15:30 sui boschi svedesi. La notte scende veloce, e l’ultimo ricordo del fine settimana é una luna piena nel cielo cristallino dell’inverno svedese spuntare tra le punte degli abeti sull’autostrada per Stoccolma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...