La neve sciolta

L’ultima volta che sono stato a Brussels per piacere e non per lavoro sembra una vita fa. Ma è solo pochi mesi fa a pensarci bene. Allora faceva un freddo incredibile, e cadeva una neve copiosa che si sarebbe presto tramutata in fanghiglia. Oggi, invece, si respira un’aria quasi primaverile, ed anche la città sembra più bella. Le strade sono piene di persone, tanti escono, turisti ovunque, ho anche adocchiato un paio di bei negozi dove farmi un giro. Le stagioni cambiano, io continuo a viaggiare tra lavoro e piacere. Mi piace perdermi nel mondo, guardare le persone, passare fine settimana fuori senza pensare. Guardo la vita scorrere tra chi atterra e chi parte, mentre la schiuma della Duvel tende a farsi leggermente più sottile. Nelle strade con i sampietrini risuonano tacchi e passi, alcuni sono anche i miei.

Annunci

One thought on “La neve sciolta

  1. Guardo il lago e spero di vedere la fata Viviana e il suo regno incantato . Unici suoni il rumore dell’acqua, grida di uccelli e vento . Non c’e’ nessuno.
    Non devo parlare, non devo ascoltare, non ho passato, non ho futuro, il mondo non esiste.
    Appoggiata ad un tronco di un enorme albero sconosciuto divento albero anch’io.
    Si sta facendo sera e mi sembra di vedere qualcosa , un velo bianco che danza, nella nebbia. E’ lei? E’ venuta a salutarmi?
    Torno in paese, fra le case di pietra immagino di essere una dama di altri tempi.
    Domani mi aspetta una foresta magica dove si cela anche la fonte della giovinezza.
    Buona notte gatto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...