Ritorno a Singapore

Un volo breve nella notte, e Singapore riappare sotto i finestrini illuminati. I grattacieli, le strade. Si passa da un paese in via di sviluppo ad uno quasi occidentale, tra un segnale di allacciare le cinture di sicurezza che si accende per l’atterraggio dopo essersi spento una mezz’ora prima. Giro per la città in un caldo umido insopportabile, tra il sole che esce a malapena tra la cappa e temporali tropicali che fanno tremare anche l’anima. Entro ed esco da centri commerciali che sono praticamente ovunque per usare un poco di aria condizionata e respirare di nuovo. La città mi sembra un continuo di malls a vari piani, shopping ovunque, incantevoli ragazze orientali vestite benissimo, truccatissime, con i capelli perfetti. Passeggio lungo il fiume dove tutto questo è iniziato quando la città fu fondata. Intorno qualche palazzo coloniale, poi solo grattacieli sullo
sfondo, uomini d’affari, turisti sotto la statua del leone. Il cibo è incantevole, buonissimo, vario, fresco, economico. La città funziona come un orologio svizzero, tutto è pulitissimo, nemmeno una carta
per terra. La sera i centri commerciali sono sempre pieni, tutti li, visto che ci sono anche molti dei ristoranti. La città, cosa strana per l’Asia, è comunque molto verde, piena di parchi, alberi, giardini. Visito i grandissimi giardini botanici, che ospitano un’intera sezione dedicata alle orchidee, una cosa incantevole. Mi rendo conto che anche il mio albergo ha una connessione diretta ad un centro commerciale. Faccio un giro nel caos delle persone, negozi di tutti i tipi, musica a tutto spiano. Ad un certo punto entro in un corridoio pieno di negozi e mi rendo conto che è un collegamento ad un altro centro commerciale, sembra non finire mai.

Annunci

2 thoughts on “Ritorno a Singapore

  1. Che fascino Singapore. Mi piace l’idea di vivere in Svezia, mi piace la natura selvaggia, di solito non amo la città. Ma che fascino, appunto, Singapore.mi piacciono i posti che funzionano dove guarda caso il cittadino è un cittadino e non un suddito/nemico da spolpare a favore di una classe di politici/burocrati corrotti.

  2. Pingback: Saluti da Singapore | gattosolitario

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...