32 gradi di separazione

Dopo un fine settimana nel Belgio, si arriva domenica notte a casa verso le 23:00. La seconda valigia é giá sul divano, con i vestiti piegati e giá pronti ad un altro viaggio. Togli quelli sporchi, cambi, chiudi, dormi si e no 5 ore e poi si riparte. Lunedi mattina, taxi, scalo a Copenhagen e poi circa 7 ore di volo. Lascio una Stoccolma innevata a -7 per atterrare a +25, sole che splende ed odore di mare salato in lontananza. Dai grattacieli vedo le autostrade su cui passano tantissime automobili, allungo di poco la testa ed eccolo lí, blu, profondo. Il mare.

Annunci

One thought on “32 gradi di separazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...