Impressioni di una capitale

Dopo un volo di circa nove ore, mi ha atteso un cielo terso, l’aria frizzante ed un sole molto forte, quasi una luce inattesa. Il taxi, guidato da un ragazzo del Bangladesh, passava veloce su autostrade a quattro corsie. Poi una lunga curva a destra, ed ho visto dal lato del mio finestrino il Potomac. Ponti a larghe navate attraversavano lontano il fiume. La luce era al tramonto, e creava ombre lunghe sul Lincon Memorial. Strade lunghissime e larghe, l’obelisco al centro del national mall, a sinistra la casa bianca. Downtown è come in tante città americane, anche se la sera si svuota, sembra enorme, ma anche stranamente silenziosa. Fa un caldo incredibile per la stagione, e le famiglie vanno in visita ai monumenti, i veterani chiamano a voce tutti i morti del Vietnam sul memoriale da un microfono su un palchetto. Allo Smithsonian c’era la capsula originale dell’Apollo 11, mi chiedo come ci siano arrivati sulla Luna con quei trabiccoli. Sembravano quasi dei giocattoli. Ed intanto oggi i funzionari che la settimana scorsa vedevo in giacca e cravatta oggi girano sportivi, gli occhiali da sole, una corsa lungo il Mall. È pur sempre domenica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...