Turista per caso

Non sono tanto abituato a girare per Copenhagen da turista, visto che sono venuto qui per lavoro per quasi tre anni di seguito. Ma mi rendo conto che riconosco molto bene i posti e mi oriento anche bene. La giornata ha offerto tanto vento, ma anche un sole che faceva capolino tra nuvole grigie sfilacciate. Questo mare del nord, grigio come il piombo ad accompagnare i pensieri. E ti rendi conto di quanto ti piacciano le città. Cenare da un orientale di alta classe nel quartiere residenziale mostrato da un collega qualche anno fa, pranzo con sushi e poi fermarsi nella pasticceria più buona di Copenhagen. Li dove anche se non hai fame devi fermarti ogni volta per una pasta gigante. E poi persone di ogni tipo, un caffè nel negozio arredato come il salotto della nonna, trovarsi senza saperlo al cambio delle guardie, sedersi su una panchina e vedere il mondo passare. E le luci che piano si accendono, il buio che arriva e questa città che non è sempre buia, per essere più hyggelig (se si scrive così).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...