La Giordania

Arrivi di notte, come al solito in un lunedì come tanti altri. La macchina sfreccia nella notte tra vallate illuminate da case, chioschi dai colori improbabili lungo la carreggiata, e camionette di polizia che controllano il territorio. Poi ad un certo punto lo sguardo va verso est, dove molte più luci illuminano una collina. È Gerusalemme, ti dice tranquillo l’autista, come se fosse un posto come tutti quanti gli altri. Più in giù, non lontano dal Mar Morto, Gerico. Già, il mar morto, non so quante centinaia di metri sotto il livello del mare. Un caldo incredibile, sembra di essere scesi inferi. Di fronte colline di pietra rossa, ed in mezzo il confine. Di qui sei Giordania, poi in un punto imprecisato in mezzo a questo mare che mi sembra un lago, sei in Israele, o forse in Cisgiordania. Dipende da con chi parli, io mi limito a guardare. Tutto così calmo, così idilliaco, una pace incredibile. Come se poi non lo sapessi cosa è successo in questi ultimi 70 anni in questo fazzoletto di terra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...