Sull’altra sponda del mare

Nonostante la temperatura giornaliera sia fissa sui 37 gradi non si sta tanto male. C’è sempre come una brezza marina, un leggero venticello che fa respirare un attimo. La sera poi è proprio bella, con la temperatura che scende, il cielo stellato e la Luna pienissima che sorge dai colli intorno Beirut portandosi alta nel cielo. Ieri notte siamo stati fuori fino alle 2:00 del mattino, e stamattina sveglia alle 7:00 per nuove riunioni di lavoro. Adesso, per fortuna, posso riposarmi un attimo, e guardo questo brulicare di persone, le macchine che vanno e vengono dalla sommità di questo grattacielo. Beirut è una città in cui domina il colore della terra arida. Si vedono pochissimi alberi, e case ovunque, tutte dello stesso colore che fa tanto Medio Oriente. Le persone girano su macchine di tutt’uni tipi, dalle moderne brillanti auto tedesche fino a vecchie Mercedes che hanno visto sicuramente tempi migliori. Donne con il velo sono fianco a fianco di altre in mini gonne cortissime. Ma tutte sono truccate, sistemate quasi a dover andare ad una sfilata. Gli uomini sono un attimo più rilassati, ed è difficile, ad un primo sguardo pensare di non essere in Europa. Poi ti giri da un latine ci sono negozi con le scritte arabe, vendono spezie e cibo mai visto, e questo colore di terra, di case in cemento tutte uguali, ti fa capire di essere in realtà sull’altra sponda del mediterraneo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...