Un giro in Dalarna

Oggi per lavoro mi sono svegliato presto, ma per una volta niente aeroporti, bensì la stazione centrale di Stoccolma. Alle 6:45 mentre attraversavo i ponti di Stoccolma era ovviamente notte fonda, e lo sarebbe stata ancora per circa due ore. La Luna comunque brillava in cielo, quasi piena, illuminando i tetti di Södermalm. Attraversando i ponti su Gamla Stan si poteva vedere la città illuminata, il municipio che lambisce il lago. Tutto molto affascinante.

Stockholm, pure morning

Una volta partiti il treno ha iniziato ad andare verso nord, prima Arlanda, poi Uppsala e poi verso est. Passando da Uppsala ho quasi potuto rivedere la mia vecchia casa. Il treno infatti passa lambendo il mio vecchio quartiere, ed ho riconosciuto le case, i posti dove andavo in estate. Ho avuto un attimo di nostalgia. In ogni modo abbiamo poi continuato verso nord, ed ad un certo punto, dopo Sala siamo entrati in Dalarna ed é iniziata la neve. Era ovunque, anche abbastanza alta in alcuni punti. Alcune foto dal treno:

IMG_0118

IMG_0119

IMG_0117

Arrivati a Falun siamo poi andati alla nostra riunione. Ovunque tantissimo ghiaccio, e camminare non era per niente piacevole. Ero con una mia collega di Stoccolma, ed abbiamo discusso di come le persone, appena si esce dalla capitale, sembrano molto diverse. Il modo di vestire, i capelli, le auto, tutto sembra molto trasandato, completamente non curato. Le persone girano in tute vecchie scolorite, giacche che avrebbero bisogno di più di un rattoppo, scarpe lerce di fango e spesso in sandali di plastica consumata e calzettoni. Si avverte di come la ricchezza non abiti da queste parti, di come le persone facciano una vita molto più all’antica, senza fronzoli, ma fatta anche (e solo) di caffè nero, panini non molto invitanti in caffè arredati anni ´70, vecchie Volvo. Tutto sembra come sospeso nel tempo.

Falun é comunque una cittadina non male, con un bel quartiere dove abitavano i minatori fino alla chiusura della miniera di rame. Qui infatti si trova una delle più grandi ex-miniere di rame del mondo, che ha fatto la fortuna della Svezia per molti secoli. Tra l’altro il rame estratto qui veniva usato per ricoprire le case di legno in modo da isolarle meglio dal freddo. Si chiama “rosso Falun” ed infatti, se siete in Svezia, provate a strisciare un dito contro una di queste case o una staccionata. Vi ritroverete sulle dita polvere di rame.

Annunci

3 thoughts on “Un giro in Dalarna

  1. Non sono ancora stato a Falun… Hai descritto gli Svedesi di lì come dei pezzenti! A me, nella vicinissima Borlänge, non sembra che sia proprio così: certo, non ci sono i fighetti che abbondano a Stoccolma ma anche in Dalarna ci sono enormi centri commerciali che vendono i medesimi marchi stoccolmesi e le auto non sono certo delle carrette, anzi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...