Sentirsi di passaggio

Finalmente, dopo una settimana molto intensa, ieri notte sono riuscito a dormire a lungo. La giornata é poi passata con alcuni colleghi seduti ad un caffé per qualche ora, poi ancora in giro, e poi finalmente una lunga passeggiata da Vasastan fino a casa mia. Mi sono fermato per un attimo su uno dei ponti che attraversano Gamla Stan, sulla destra i municipio illuminato, il lago, nero e scuro, e poi le mille luci di Södermalm di fronte, le guglie della Högalidkyrka in lontananza. Mi piace vedere la cittá che si illumina piano, le persone che tornano a casa la domenica sera in attesa di una nuova settimana lavorativa. Con tutti i miei spostamenti mi sento a volte come "estraneo" al mondo, alla realtá degli altri. Quasi di passaggio. Come se non appartenessi a nulla.

Annunci

4 thoughts on “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...