E dentro un taxi nella notte

Svegliandomi questa mattina, ho visto la luce del sole spuntare sulle guglie di Stoccolma. Allora ho acceso il computer ed ho messo su la Mannoia, ad alto volume. Quasi a lasciar volare via quelle parole, a lasciarle libere nell'aria tersa di una Stoccolma addormentata dopo i bagordi del sabato, deserta. Il ghiaccio pian piano si scioglie, e pensavo a come si cambia per ricominciare. Ogni giorno, perché domani é un altro giorno, ed ogni giorno devo cambiare tutto, rifare, rimodellare, non fermarmi. Quante luci dentro ho giá spento per poi accenderne altre, quante parole non dette, quanti silenzi urlati ad alta voce, quante cose da ricordare e poi mettere da parte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...