Lo sai che non mi va

Oggi pensavo a questo… Ricordo quando ero piccolo ed adorava gli ultimi giorni di agosto quando eravamo al mare. Aspettavo che il tempo cambiasse, che iniziassero a venire le giornate piovose, i temporali di fine estate li chiamava mio padre. E ricordo che non potevo andare in bicicletta dopo pranzo perché pioveva. E poi adoravo uscire fuori e sentire il profumo della terra bagnata in estate. É una sensazione che sento ogni volta dopo la pioggia, e mi sembra di essere un bambino, torno a quei pomeriggi di fine estate in cui correvo con i sandali sull'asfalto bagnato, e mia madre mi chiamava da lontano perché dovevamo uscire. A volte mi chiedo dove siano finiti quei giorni.

Annunci

4 thoughts on “

  1. Me lo chiedo pure io, che fine abbiano fatto.E probabilmente un giorno mi porrò la stessa domanda per i giorni che sto vivendo ora…Cristina

  2. Sono capitato per caso nel tuo blog e questo e' il primo post che ho letto.  Vivo in Oklahoma da circa un anno (la sorte ha voluto che un sardo ora viva negli Stati Uniti ed insegni spagnolo…!), ed oggi, dopo tanto tempo, sono riaffiorate sensazioni che pensavo ormai sopite. Stranamente oggi non faceva tanto caldo; ne ho quindi approfittato per pulire il garage, insieme a mia moglie. Ad un certo punto, come un pugno nello stomaco, sferrato forse da un rumore particolare, da un soffio di vento o da una voce, arriva il ricordo di una delle tante sere di fine estate nel mio paese, tra il chiacchiericcio dei vicini di casa (che si godono le ultime serate al fresco, seduti con le immancabili sediette sul marciapiede davanti casa) e il profumo di una cena qualsiasi che arriva fino a casa mia. I turisti vanno via, cosi' come i miei amici, figli dei tanti emigrati in Belgio ed Olanda. Io ho 9-10 anni, e sento le parole di mia madre, quasi a ripetere una consuetudine annuale "eh, e un'atteru istiu s'iccheste andadu…" ("eh, un'altra estate e' andata via…"). Io mi sento piuttosto triste e il pensiero della prossima estate sembra cosi' lontano.Dopo alcuni giorni pero' la malinconia passa, perche' penso che si avvicina l'inverno, ed io a desiderare la pioggia e la sempre (ahime'!) poco copiosa neve. Settembre con i fuochi per bruciare le stoppie, Ottobre con i suoi primi venti freddi, i cachi e le prime arance e poi novembre, con i primi dolci fatti in casa per certe ricorrenze… Stasera, dopo tanto tempo, ho sentito nostalgia del mio passato, delle mie piccole cose, dei miei sapori, della mia aria. Ho sentito quasi voglia di piangere, E mi ha sorpreso il fatto che l'Oklahoma, con la sua superficialita', con le sue incongruenze, sia riuscito in maniera cosi' semplice a farmi sentire una sensazione cosi' bella.Un saluto affettuoso,Gianfranco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...