God save the Queen

Questa mattina, sotto un cielo grigio e piovigginoso, sono partito per una nuova (e vecchia meta), e quindi sono arrivato a Londra verso ora di pranzo. Il volo e’ stato abbastanza turbolento, non nel senso dell’aereo, ma in quanto un signore/ragazzo e’ svenuto, con tutta la sua stazza da piu’ di cento chili ed i suoi tatuaggi hard-metal. Quindi hostess che corrono a prendere la bombola di ossigeno, medici che si alzano, questo poverino che rimane a terra nel corridoio per circa un’ora, insomma non proprio una cosa piacevole. Se poi a questo si aggiunge che altre persone (secondo me per nervosismo), hanno iniziato a sentirsi male, una ragazza piangeva… il tutto rende questo viaggio non proprio il piu’ tranquillo degli ultimi tempi.

Comunque, dopo questo via in albergo, un’ora di riunione, taxi ed un’altro albergo, dove mi aspettavano per un’altra riunione i colleghi dagli USA per discutere di varie cose. Quindi taxi di nuovo, cena con alcuni miei colleghi, e poi lavoro fino a tarda notte.

Annunci

One thought on “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...