Valborg numero tre

Ne avevo giá parlato gli anni scorsi della festa del 30 Aprile, la notte di Valborg (penso di dica Valpurga in italiano), il giorno che sancisce la fine dell’inverno e l’inizio della primavera. Potere vedere a questi link, e link e link e link.

La incredibile bellezza di quest’anno é stato il caldo incredibile di oggi, quasi a 25 gradi e poco vento, insomma si poteva tranquillamente stare a maniche corte, mentre ovviamente gli svedesi, quasi tutti ubriachi erano per lo piú seminudi : )

In ogni modo la giornata é passata come al solito, guardando le imbarcazioni degli studenti che si cimentavano sulle due cascatelle del fiume…

L’incredibile folla lungo le strade…

Picnic, alcool et varie….

Interessanti personaggi….

e feste all’aperto nelle associazioni studentesche (e qui ancora doveva iniziare) !!!

Il campidoglio brucia

Quando si studiavo la storia di Roma, non so per quale motivo, ho sempre cercato di immaginarmi la cittá invasa e messa a ferro ed a fuoco dai barbari. Me li immaginavo salire sul campidoglio e distruggere tutto, cancellare la civiltá, non aver rispetto per niente. Me li immaginavo con i loro vestiti e le armi bagnate di sangue. Ora non ho piú bisogno di immaginare, questa é la stessa immagine che quegli stessi luoghi hanno visto nel passato. Le armate di barbari hanno di nuovo vinto, un lungo medioevo sta per tornare. Ora la vergogna e lo sdegno sono infiniti.

La fine di tutto

Oggi é stata una giornata molto interessante, per cose di cui vi parleró piú in lá. Un’altra notizia, invece, mi ha particolamente scosso, quasi piú delle elezioni, e cioé il passaggio del comune di Roma alla destra fascista (non credo vi siano altre definizioni). Roma, Roma che io ho sempre considerato come la cittá piú bella d’Italia, sicuramente la piú bella cittá che io abbia visto al mondo, Roma dove ho vissuto per un periodo della mia vita, Roma la culla della civiltá, Roma di mille popoli e culture che vivono insieme, ancora una volta, occupata dai barbari.

Mi sembra quasi di vederli questi eredi dei lanzichenecchi, dei barbari, distruggere tutto quello che di bello é stato fatto in questi anni, e questa, davvero, mi sembra la fine di tutto, la fine della cultura, del bello, di tutto quello a cui tenevo in Italia.

Con amore, addio anche a te, Roma.

Ain’t no sunshine

Ci sono delle volte che realmente mi "fisso" con delle canzoni e sono capace di ascolarle anche dieci volte al giorno : ) Comunque questa é quella che ho nella testa negli ultimi giorni, anche se la BF dice é troppo triste, ma a me piace moltissimo. Personalmente la ho nella versione di Marvin Gaye, ma questa qui é bella comunque!

Incontri paranormali

Stasera sono stato convinto da alcuni colleghi ad andare in un famoso locale di Uppsala che sembra una specie di castello kitch (chi é stato ad Uppsala lo conosce). Che poi sia "tristemente" famoso per altre cose é un altro discorso! In ogni modo la scusa é che qui il venerdi fanno l’after work dalle 16:30 (si finisce di lavorare presto da queste parti il venerdi) fino alle 20:00, ovvero si entra gratis, si mangia gratis e si paga solo quello che si beve. Ovviamente ci guadagnano in quanto tutti bevono come spugne, ma questo é un altro discorso.

Comunque come dicevo il locale in questione é famoso per essere il ritrovo di persone "di una certa etá", insomma dai 35 ai 50, possibilmente single, poco acculturato e proveniente dalla campagne, in pratica il "tamarro svedese". Avevo sempre avuto la curiositá di farmici un giro, visto il mio interesse "sociologico" per la societá svedese, ma é stato troppo divertente. C’erano dei personaggi assurdi, vestiti in maniera ancora pu assurda, soprattutto le signore, mamma mia eh eh eh

Penso che il piú scolarizzato dei presenti fosse stato un muratore con rutto libero. A parte gli scherzi c’erano anche molte persone normali come noi, e tutti erano assolutamente molto tranquilli ed innoqui, come quasi sempre qui in Svezia, ma alcuni personaggi erano assolutamente da antologia. Il posto é tra l’altro famoso per chi vuole trovare "compagnia" per il venerdi notte, che sia uomo o donna, tutto in perfetta libertá ed in modo molto rilassato (e questa é una della cose piú belle della Svezia secondo me).

Me ne sono andato abbastanza presto verso le 21:00, ma abbastanza in tempo per sentirmi l’orchestra finto rock suonare un can can, imperdibile : )

Vigilia del 25 Aprile

Mentre in Italia ci si prepara al lungo ponte leggo tristi notizie sul 25 Aprile, su come alcune persone stiano cercando di cancellare questa bella festa, questa festa di vera libertá, altro che partito di sua signoria. Ed intanto mi viene da cantare "bella ciao", perché sempre di piú il nazionalismo e la xenofobia mi sembrano stia conquistando l’Europa, a tutte le latitudini. Sará l’eccessiva immigrazione da parte di paesi del medio-oriente, sará che il boom economico é finito da un bel pezzo, ma mi sembra davvero molto triste vedere come la storia sembra non ci insegni mai nulla.

Per adesso mi viene solo da dire "una mattina, mi son svegliato, o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao ciao…"