Il labirinto del fauno

Ieri ho visto questo film spagnolo assolutamente incantevole. É una storia tra un misto di fantasia e realtá ambientata nella Spagna di Franco (1944), dove una bambina scopre di essere la figlia del re di un mondo magica, scappata tanti secoli prima. Da qui l’incontro con animali magici, con il fauno che le indica la via e le prove da effettuare per scoprire di nuovo la propria immortalitá. La sua storia si fonde poi con quella reale di uno spietato capitano della falange che si trova a lottare contro la resistenza tra i monti.

Il finale é davvero incredibile, ma non ve lo dico, in quanto dovete assolutamente scoprirlo da soli. Ma é davvero geniale, poetico ed allo stesso tempo "reale".

Annunci

Arrivi e partenze

É stata una giornata abbastanza intensa, e con moltissime cose da fare, anzi direi una due giorni davvero di fuoco! Ieri é arrivata qui in Svezia una ragazza italiana che fará la sua tesi di laurea nel nostro laboratorio, quindi sono andato a prenderla in aereoporto, poi portata a casa. Stamattina sono dovuto andare "di corsa" a Stoccolma alle 8:30 del mattino per una cosa molto importante, quindi di nuovo ad Uppsala. Ho fatto fare un giro alla nuova arrivata per la cittá e quindi abbiamo mangiato qualcosa con lei e la B.F.

É interessante vedere le reazioni di chi si muove per venire qui in Svezia e confrontarle alle mie di quasi due anni e mezzo fa, e vedere come sono pi’u o meno le stesse cose che ci colpiscono, e riflettere su quello che io pensavo quando mi sono trasferito. Fa tornare indietro nel tempo.

Elezioni

Oggi torno a casa e trovo nella posta una busta dell’ambasciata con le schede elettorali, è la prima volta che voto all’estero, è quasi divertente. Certo sono molto indeciso se votare il partito fascita, oppure "valori e futuro con Emanuele Filiberto", oppure "l’altra Sicilia", o forse la "sinistra critica ecologista, comunista, femminista"… che ridere. Tra l’altro da qui all’estero si possono dare le preferenze. Ora mi informo un pò, e vediamo a quale candidato del Partito Democratico andrà il mio voto !

Dolcezza

Una delle cose interessanti del posto dove lavoro é che ci sono spesso festeggiamenti vari, conditi ovviamente da dolci e torte varie. Oggi ce ne era un altro, ma stavolta ho proprio mangiato taaaaanta torta, anche tre fette di tre diverse torte… qui ci vuole un bel riposino !!! : ) Esiste un limite alla quantitá di torte e cioccolato mangiabili? Secondo me no…

Alba di primavera

Questa mattina, per varie ragioni che non stó qui a spiegare, mi sono dovuto alzare prestissimo ed andare in centro. L´aria primaverile a  -11 era molto piacevole in effetti (sono ironico), ma almeno c´era un bellissimo sole ed il cielo era tersissimo, azzurro e chiaro, pulitissimo. Quindi, una volta fatto quello che c´era da fare, mi sono allontanato, ed ho iniziato ad andare in giro, nel silenzio assoluto della mattina festiva.

Erano circa le 7:00, e le strade erano vuote, completamente deserte. Nessuno per strada, pochissime macchine, e davanti a me si aprivano boschi fino a perdere la vista sull´orizzonte.

Ho continuato la mia strada, e sono arrivato al lago. Le temperature gelide dei giorni scorsi lo stanno facendo ghiacciare, ma il fatto che durante il giorno la temperatura sale quasi sopra lo zero, l´acqua non é mai completamente ferma e ghiacciata, e si forma un ghiaccio trasparente, sottile, insidioso. Arrivato al lago una cosa che mi ha colpito é stato il silenzio, totale, imponente, grandissimo, quasi mi schiacciava al suolo. Lo sguardo vagava lontano, perso sui riflessi azzurri dell´acqua quasi ghiacciata.

Mi sono fermato sulla riva, ho preso un sassolino e l´ho lanciato sul ghiaccio. É scivolato via velocemente sulla superfice dell´acqua, stridendo contro il ghiaccio, ed ha prodotto un rumore, continuo, sordo ma allo stesso tempo acuto, quasi come un lamento lontano… impressionante. Ho poi provato a mettere un piede sull´acqua, ed ho sentito il ghiaccio (come mi aspettavo) rompersi sotto i piedi.

Sono arrivato sul pontile pieno di neve, ed ho guardato il sole, che inizia a sorgere sempre prima, ed era alto nel cielo. L´aria era gelida, ma la luce era calda, bellissima, un segno di vita. Ho chiuso gli occhi ed ascoltato il silenzio, l´aria immobile senza un filo di vento. Ed ho pensato che anche se la Svezia, cosí come tutti i posti del mondo, non é perfetta, sono questi i momenti in cui penso che sia il posto piú vicino al paradiso che abbia mai visto nella mia vita.

Adesso il cielo si é coperto, sono al lavoro, e c´é una nevicata fortissima, che lascia cadere fiocconi pesanti e grossi. Tutto si coprirá di nuovo di bianco, mentre il silenzio é scemato e si vedono e sentono persone per strada. Ma stamattina ero lí, ed ho vissuto e sentito, per la prima volta nella mia vita, il silenzio assoluto. Da perdersi dentro.

Fanny och Alexander

Buona Pasqua a tutti. Finalmente sono riuscito a vedere questo film di Bergman, che tra l’altro abbiamo nella sua versione integrale, cioè più di cinque ore. Mi sono messo d’impegno tra ieri ed oggi, e sono riuscito a finirlo. Fa una certa impressione vedere i vari posti di Uppsala in cui questo film è stato girato e pensare a quante volte sono passato proprio io da quelle parti ! Il film mi è sembrato una apologia del teatro, quasi un gesto d’amore, oltre che una profonda autobiografia dello stesso autore, come ho poi letto in giro.

La narrazione è un pò lenta ma il tutto è davvero "immaginifico", sembra a volte quasi di essere in un sogno, ed appaiono fantasmi e spettri, magie ed illusioni. Un tipo di cinema che mi è abbastanza nuovo, ma che ora sono curioso di esplorare, insomma non posso vivere qui e non conoscere il regista più famoso di Svezia.

Bravissimo Jan Malmsjö che fa la parte per vescovo, davvero incredibile.