Fatti e fatterelli

Mi sono reso conto rileggendomi i post degli ultimi giorni che parlo sempre di meno di quello che mi sta succedendo qui, e sempre in maniera forse poco chiara. Le cose si succedono le une dietro le altre, e di incontri ne sto facendo a morire, forse anche troppi, ma va bene così. La Svezia continua a sorprendermi, sia per il suo clima completamente pazzo (stasera faceva un freddo sulla bici… mentre adesso è spuntato il sole, e siamo alle 22:30), ma soprattutto per l’estrema qualità della vita che ho incontrato da queste parti. Pensavo ieri a come mi sono affezionato a tutto quello che ho qui, a quanto la mia vita mi sembri leggera e facile, anche se lavoro 10 ore al giorno tutti i giorni festivi compresi, anche se devo sempre correre in bici da una parte all’altra. Eppure tutto qui mi sembra facile, tutto mi sembra possibile.. basta chiedere e se è un tuo diritto lo ottieni, se una persona ti può fare un piacere generalmente non si tira indietro… puoi camminare per strada sicuro che niente ti succederà, posso girare con la macchina fotografica a notte fonda, posso, insomma vivere.

Era proprio quello che a Napoli mi è sempre stato impedito, sarà perchè io vivevo così la mia città, ma è come mi sentivo… come un uccello in gabbia. Qui forse l’aria sarà fredda, gelida d’inverno… ma almeno se voglio, sono libero di gestire me stesso.

Differenze climatiche

Mentre sento che in Italia le persone si stanno sciogliendo insieme all’asfalto, qui, lasciando il posto alle bellissime giornate delle scorse settimane, è arrivata una bella ondata di freddo e pioggia. Temporale (ma per fortuna pioggia fina fina), freddo e via di nuovo di giubbino e guanti e caschetto per andare in bici 😀 Intanto la mia opera di rifinitura casa continua… è una cosa che mi dà soddisfazione ed è bello perchè sento che lo faccio solo per me… a volte serve!

In ogni modo un pò di questo fresco ve lo regalerei volentieri, qualcuno mi aiuta a soffiare via le nuvole? Voglio proprio tornare a quei fantastici 25°C, con un pò di brezzolina 😀

Referendum ?

Spero nel no e mi sento un pò più tranquillo… certo che è assurdo che proprio noi del sud, a cui questa specie di riforma dovrebbe colpire, non andiamo a votare…

Arredamento

Ieri, dopo un gran bel riposo per la sfacchinata di venerdì, mi sono finalmente deciso a pulire il mio terrazzino che i precedenti inquilini avevano lasciato in condizioni pietose 😀 Quindi armato di ramazza sono riuscito finalmente a renderlo bianco… che bello! Ovviamente adesso lo dovevo arredare un pochino!

Grazie ad un mio amico che ha la macchina sono andato all’Ikea, ed ho comprato un tavolino di legno bellissimo che alla fine ho deciso di mettere in cucina, quindi un tavolino da aperto, qualche pianta, e trovandomi un tavolino da divano in offerta a 149 corone (circa 15 euro), quando il prezzo originale era più di 700 corone. Tutto in vetro e legno, fa un bellissimo effetto nel mio salotto, sono troppo contento.

In particolare il tavolo di legno secondo me sta troppo bene in cucina, ma come sono soddisfatto di me stesso! Poi si può chiudere e portare sul terrazzino se ci sono ospiti a cena (cosa che collauderò stasera)… è una scoperta bellissima l’idea di veder crescere la propria casa!

Midsommer

Ed alla fine siamo partiti! Dopo un’abbondante colazione offerta da amici tedeschi abbiamo preso la macchina e ci siamo diretti verso la regione chiamata "Dalarna", detta anche il cuore della Svezia, in quanto qui si conservano intatte molte antiche tradizioni contadine antiche. Dopo quasi 3 ore di automobile in mezzo al nulla più assoluto, a parte foreste bellissime, casette rosse e laghetti ovunque, siamo arrivati nei pressi di Falun, dove si trova il lago più grande della regione. Lo spettacolo di questi luoghi è incredibile, una natura così intatta e purissima che non riuscivamo nemmeno ad immaginarne l’esistenza (ah eravamo un italiano, due tedeschi, una polacca ed un egiziano/tedesco). Laghi e specchi d’acqua di un blu intesissimo si intervallavano a foreste verdissime, corsi d’acqua ovunque e le classiche casette rosse svedesi.

Quindi abbiamo visto il primo "innalzamento" dell’albero di mezzaestate, con i rituali, la musica, le persone vestite con i vestiti tipici, e credo fossimo gli unici stranieri, insomma una vera immersione nella vita svedese.

Quindi ci siamo diretti ancora più a nord vicino Mora, dove una mia amica svedese originaria di quelle parti organizzava con la famiglia un’altra festa, ancora più in grande, con balli organizzati, pubblico, tutti vestiti con i costumi d’epoca, una cosa incredibile. Quindi hanno alzato anche lì l’albero e ci siamo messi a ballare tutti intorno (io compreso) le canzoni tradizionali insieme a bambini, vecchi, ragazze e ragazzi…

Quindi ritorno ad Uppsala sotto una luce rossa-arancio che illuminava tutto fino alle 23:00, una cena dai miei amici tedeschi e poi a nanna… ah, come vi dicevo a midsommer bisogna raccogliere 7 fiori diversi, metterli sotto il cuscino e la persona che si sogna sarà la vostra compagna di vita…. io una ragazza che conosco l’ho sognata tutta la notte, mi devo preoccupare?

A questo link tutte le foto... sono un bel pò, ma spero ne valga la pena!
 
  

Midsommer -1

Mentre il cielo si chiazza di nuvole piccole e veloci, facendo uscire di nuovo il cielo azzurro dopo un’intera giornata grigia e scura la Svezia si prepara ad una delle feste più importanti dell’anno (almeno per loro), quella di mezza estate. Si festeggiano le giornate più lunghe dell’anno dovute al solstizio appena passato, e si ripeterà un rituale pagao dove un palo (simbolo del pene) viene conficcato nella terra (la donna fertile) e ci si balla e canta intorno (oltre ovviamente ad ubriacarsi). Così in Scandinavia (ma in tutto il nord Europa, Britannia compresa), si compivano riti di fertilità, anche perchè qui, una volta, se il raccolto estivo non era buono sarebbero morti di fame per tutto l’inverno…

La tradizione vuole che le ragazze colgano sette fiori diversi e li pongano domani sera sotto il cuscino, la persona che sogneranno sarà il compagno della loro vita…

Domani sono in giro per festeggiamenti… vi farò sapere cosa succede in questo mio primo "midsommer" 😀

Solstizio d’estate

In quella che dovrebbe essere la giornata più lunga dell’anno piove, il cielo è grigio e la temperatura è scesa sui 20°C… certo fa un certo effetto pensare che oggi abbiamo raggiunto il massimo della durata delle giornate, e che da adesso inizieranno solo a diminuire… fino a tornare alla luce "inesistente" di dicembre…

Il passare del tempo, il ripetersi circolare delle cose e degli avvenimenti è un qualcosa che mi riempie sempre di stupore, quasi in bambino di fronte ad una scoperta nuova. Forse perchè è tutto più esasperato, le stagioni sono forti e violente, l’inverno freddissimo e senza luce, la primavera coloratissima e violenta, l’estate calda, verde e senza la notte, l’autunno grigio, rosso e giallo come le foglie degli alberi.

E’ un paese particolarissimo la Svezia, che penso o ti entra dentra oppure non lo sopporti, troppo estremo, di un estremismo di rara bellezza…